Ti ho amato

13 Febbraio 2020

Ti ho amato
come si amano le cose semplici:
la cura se stai male
la preoccupazione se fai tardi
incoraggiarti nella vita
proteggerti dalla stessa.
Ti ho amato
come si amano le cose passionali:
con gli abbracci che riscaldano
e i baci che non saziano.
E poi ti ho amato
come si amano le cose difficili:

resistendo alle tempeste
saltando gli ostacoli
perdonando gli sbagli
ripartendo dagli errori.
Ti ho amato, ancora,
come si amano le cose fragili:
sbagliando spesso
con la paura di perderti,
vacillando a volte
respingendoti altre
scappando altrettante
ma tornando in tutte.
Infine, ti ho amato
come si amano le cose essenziali:
respirando la stessa aria
dividendola in due
senza desiderarne altra
che non fosse la nostra.

Quell’ultimo abbraccio

11 Febbraio 2020

Io me lo ricordo ancora quell’ultimo abbraccio. Sapeva di addio e di fuori posto. Come quando ti ritrovi in una situazione scomoda e vuoi scappare. Quello che desideravo fare io. Io non volevo starci in quell’abbraccio. Più stringevi più mi allontanavo. Come lo sguardo, che non riuscivo più a sostenere. La paura di sentire occhi sempre uguali, occhi complici, o di sentirli diversi, troppo diversi. Non ho voluto che si incrociassero. Quell’ultimo abbraccio pesava come un macigno. Portava con sé tutto il dolore delle nostre ferite, tutto il peso dei nostri errori e tutto il bene che ci eravamo voluti.

Se…

8 Febbraio 2020

Se tu avessi orecchie per ascoltarmi, occhi per guardarmi e un cuore capace di amare ti urlerei tutto il mio dolore. Ti direi che la tua guerra è solo tua e che non ti permetterò più di stravolgermi la vita, di bloccarmi il respiro nel petto, di farmi sobbalzare ad ogni via della città e di farmi passare notti in bianco aspettando un sonno che non arriva, che non può arrivare. Ma tu non hai occhi che sappiano guardare, orecchie capaci di ascoltare e un cuore in grado di poter amare. Allora il mio dolore lo tengo per me, sarà mio alleato e mio scudo nei momenti più difficili.

L’odore degli abbracci

L’odore degli abbracci.
Quelli stretti, caldi.
Quelli che bastano così tanto
da non aver bisogno di aggiungere parole.
L’odore degli abbracci.
Quelli dopo i litigi.
Improvvisi, istintivi.
Quelli che risolvono tutto.
Quelli che, un attimo prima di andare via,
ti fermano e ti fanno pensare:
“Se mi tieni io resto”.

Mi piaci, mamma

Amo vederti sorridere mamma, è la cosa più bella del mondo, è la cosa che riesce a fare sorridere pure me. Mi piace quando ridi, qualsiasi sorriso sia. Amo il sorriso che fai mentre ti coccolo, quella serenità che segue i tratti del tuo viso. Quel viso che amo, perchè sa di pulito, di vita onesta, di cose semplici. Come tutte quelle che mi hai insegnato. Amo il sorriso che fai quando rientro a casa, un solo sorriso riesce a dirmi “mi sei mancata”. Mi piaci perchè ci amiamo ma non ci soffochiamo. Mi piaci perchè parli sempre con calma, bilanciando l’aria che si fa pesante. Amo i nostri sorrisi che si capiscono al volo. E i tuoi occhi che sorridono prima delle labbra. Quando siamo insieme non ci manca nulla. Lo penso mentre a volte ti guardo, la sera mentre ti sei addormentata sul divano. È sempre la stessa storia: non hai sonno e vuoi restare a guardare la tv, ma poi crolli dopo pochi minuti. Ti guardo dormire, seguo il disegno del tuo respiro e, allora, lì sono io che sorrido.

Dedicato alle Donne

Dedicato alle donne che bastano a loro stesse. Quelle che non si accontentano.
Quelle che scelgono di stare con qualcuno

per amore, soltanto per Amore.
Quelle che non hanno paura della solitudine,
perché hanno capito che può essere un tempo per conoscersi e per ascoltarsi.
Dedicato alle donne che da sole

sanno fare tutto.
Quelle che hanno imparato a cavarsela
nei guai più grandi, nei dolori più forti,
nelle salite più ripide.
Quelle che quando sono cadute
si sono rialzate da sole.
Quelle che oggi chi le ferma più.
Quelle che non hanno bisogno di un uomo

per riempire i loro vuoti, il loro tempo,
i loro spazi. Ma il loro cuore.
Dedicato a quelle donne che non cercano

un uomo, ma quell’uomo. Quello che le completi, come l’ultimo pezzo di un puzzle.
Quelle che non vogliono la tua casa,

la tua macchina, il tuo conto.
Quelle che vogliono solo lasciarti il pezzo più buono della loro pizza, il loro tempo per accompagnarti nella vita, la loro mano per farti sentire la metà del peso e i loro occhi
per farti ricordare la strada di casa.
Dedicato a tutte quelle donne

che sono corteggiate ma non se ne vantano, perché si vanteranno, un giorno, solo di te.

Sul cuore

Vorrei raccontarti di tutte le volte che ti penso.
La mattina, appena apro gli occhi.
Quelli grandi, che amavi tanto.
Sicurezza e rifugio per te.
Sei già sveglio? Dormi ancora?
Sono tra i tuoi primi pensieri?

Vorrei raccontarti di tutte le volte che ti penso.
È mattina presto, io e te e basta,

una passeggiata in una città sconosciuta.

Sono in cucina, l’odore del caffè.
Sarà dura anche questa giornata?

Mi avresti detto no, anche se sapevi
sarebbe stato un sì.

Di quando entro al supermercato.
Vorrei comprarti tutto quello

che non posso più regalarti.
E che sarebbe stato sempre la metà
di tutto quello che tu compravi per me.

Stasera mangio fuori.
Sto chiudendo casa e penso a te.
Scendo le scale e penso a te.
Apro il portone e guardo la macchina,
anche se lo so che non ci sei.
“Dove andiamo?” Chiedevi.
“Non lo so, scegli tu” Rispondevo.
E passavamo delle ore. Indecisi e complici.
Divertiti e complici. Arrabbiati e complici.
Complici sempre, io e te.
Invece stasera hanno già scelto.
Non passerò delle ore, indecisa.
E non sarò complice, di sguardi e sorrisi.

Di baci e abbracci stretti.

C’è la nostra canzone.
Al mare e al centro commerciale.
In macchina e alla televisione.
Stai cercando un modo per parlare?

C’è una coppia di anziani, qui davanti a me.
Si sorridono, stretti, e un po’ litigano,

ma sempre stretti.
“Io e te tra qualche anno” Avresti detto.
Avrei sorriso. Sorrido anche adesso.
Chissà se torneremo, tra qualche anno.

Vorrei raccontarti di tutte le volte che ti penso.
E sono tante, come vedi.
E ne mancano molte altre, mi credi?

Il tempo non serve a dimenticare,
la distanza non basta per non amare,
il silenzio si può ascoltare.

Ti porterà lì, dove sei rimasto,
lì, dove ti tengo.
In alto, a sinistra.
Sul cuore.

Al sicuro

Guardarti negli occhi mi ha sempre
calmato il cuore. Lo sai, sono stati i
tuoi occhi a farmi innamorare di te.
L’ho capito le prime sere in cui uscivamo,

quando li avrei potuti guardare per ore
senza stancarmi. Lo so, ho sempre parlato
poco e questo ti infastidiva. Il silenzio a te
non piace. Il silenzio non piace neanche
a me: pensare di non aver più nulla da dire
a chi mi sta accanto, pensare di camminare
insieme nella vita solo in apparenza e poi
ognuno viaggia in un mondo suo, pensare di
perdersi piano piano. Ecco questo è il silenzio
che mi fa paura. Amo però un altro tipo di
silenzio, quello in cui sembra parlare l’anima,
quello che era fatto dei miei occhi che si
perdevano dentro i tuoi, quello fatto di calma
e serenità. Quella serenità che aspettavo da
tutta la vita, quella che il nostro silenzio
riusciva a donarmi. Stare in silenzio non è
facile come sembra. Quando il silenzio pesa,
quando devi inventarti qualcosa da dire,
quando sembra che bisogna parlare per forza,
vuol dire che non sei con la persona giusta.
Quando invece in silenzio si può stare, quando
lo riesci ad abitare, a respirare, ecco che hai
trovato Casa. Ogni volta che ti vedevo da lontano aspettarmi, ogni volta che aprivo la macchina,
ogni volta che mi aprivi la porta di casa,
nonostante il freddo, il sole e la pioggia, io
ti guardavo da lontano e già sorridevo.
Sorridevo perché, anche se sei sempre bello,

quando mi vedevi spuntare in lontananza
mi sorridevi anche tu e mi guardavi come
chi vede la cosa più bella tra tutte, ed era quel
tratto piccolo di strada che facevo verso di te a rendermi già felice. Per poi arrivare e abbracciarti. “Sono a Casa” pensavo in silenzio ogni volta,
anche se non riuscivo mai a dirtelo.
Tu mi guardavi, mi spostavi i capelli,
mi fissavi negli occhi. Quegli occhi che amavi tanto

e nei quali sentivo perderti ogni volta.
Ogni volta che mi vedevi, anche se mi avevi vista
pochi giorni prima, sembravi cercarmi,
sembravi aver paura di non ritrovarmi.
E quando ti rendevi conto che ero ancora lì per te,

solo tua, sorridevi di nuovo e mi abbracciavi, mi stringevi forte. Abbiamo avuto molti problemi,
è vero, continue lotte contro tutti e tutto,

e perfino tra noi due stessi, fino a diventare
così stanchi. Fino a convincerci che perderci
fosse la cosa migliore. So che stare con me
non è facile, so che la mia non serenità si

ripercuoteva a volte con te, e forse l’avrebbe fatto ancora, o forse no. Avrei voluto solo che tu fossi
rimasto. Voglio dirti una cosa che fino ad oggi

tutte le mie insicurezze e le mie fragilità non
mi hanno permesso di dirti: io ti avrei scelto
di nuovo, ti avrei scelto ancora, ti avrei scelto
sempre. Hai presente quando torni a casa,

posi le chiavi all’ingresso, e sorridi perché
sai di essere al sicuro? Ecco cosa eri per me.

Cercami

Se mi cerchi e non mi trovi, guarda bene.
Sarò dietro di te, per proteggerti.
Sarò davanti a te, per aiutarti a trovare

la strada migliore.
Sarò al tuo fianco, per esserti sempre vicina.
Sarò nel riflesso di quella stella, per ricordarti

di sperare e credere ancora in qualcosa.
Sarò in quel raggio di sole, per darti calore

quando ti sentirai più solo.
Sarò negli occhi di un bambino, per dirti

di insegnarmi ciò che sai.
Sarò nella luce notturna della luna,

per esserci nei tuoi giorni di buio.
Sarò nella richiesta di quel povero,

per ricordarti di aiutare come puoi.
Sarò nel frastuono di un nostro litigio,

e nell’eco di quando ci sentiremo distanti, 
per ricordarti, e ricordarci,

di stringerci ancora più forte.
Ma soprattutto sarò in ogni battito del tuo cuore,

per ricordarti di amare.

Amarsi invecchiando

Lui la guarda e sorride,
di anni ne avrà molti.
Cammino in città,
poi mi volto e li vedo.
Anziani, acciaccati, stanchi
ma comunque innamorati.
Lui la tiene per mano,
si gira a guardarla
e ogni volta sorride.
Le stringe la mano,

stretta,
ogni tanto la guarda
la mano incrociata alla sua,
e sorride.
E guarda lei
e sorride.
Immagino quel sorriso cinquant’anni fa,
la prima volta che la vide.
E poi un altro,
la prima volta che la scelse.
E poi un altro,
e un altro ancora,
giorno dopo giorno,
sorriso dopo sorriso.
E forse è questo l’Amore:
il tempo che passa,
il corpo che invecchia,
i capelli che imbiancano,
ma le mani strette ancora
e il sorriso occhi negli occhi
come il primo giorno
di cinquant’anni fa.