Legati

Il mio cuore non è riuscito a lasciarti andare nemmeno il giorno che ci siamo detti addio.

Non mollare

«Sai non credo di farcela, non ce la sto facendo.»
«Certo che ce la fai! Guardati indietro e pensa a tutto quello che hai superato fino ad oggi!»
«Non metto in dubbio la mia forza. Però sono così stanca… Credo che nessuno meriti di vivere una vita solo in salita.»
«Hai ragione. Ma proprio per questo non devi mollare: la vita non ti ha ancora dato il suo meglio. E tu non puoi perdertelo.»

Ci incolliamo

È sempre la stessa storia, tra di noi.
Inizio pensando che non voglio risponderti, che devo starti lontana, che userò due o tre parole di cortesia per troncare ogni dialogo. Ma poi accade la stessa cosa del primo giorno: ridiamo, scherziamo, ci incolliamo. Doveva essere un messaggio ma diventano molti. Dovevano essere solo due minuti ma diventano delle ore. Ci incolliamo. Adesso per iscritto, ogni tanto, sul telefono. Prima invece era la pelle, la mia sulla tua. Gli abbracci e i baci. E i sorrisi. E gli sguardi. Io incollata a te. È cambiato tutto, quanto ci fa comodo pensarlo? Poi iniziamo a scrivere e, allora, chiunque capirebbe: non è cambiato niente. Ci incolliamo.

Mi piaci, mamma

Amo vederti sorridere mamma, è la cosa più bella del mondo, è la cosa che riesce a fare sorridere pure me. Mi piace quando ridi, qualsiasi sorriso sia. Amo il sorriso che fai mentre ti coccolo, quella serenità che segue i tratti del tuo viso. Quel viso che amo, perchè sa di pulito, di vita onesta, di cose semplici. Come tutte quelle che mi hai insegnato. Amo il sorriso che fai quando rientro a casa, un solo sorriso riesce a dirmi “mi sei mancata”. Mi piaci perchè ci amiamo ma non ci soffochiamo. Mi piaci perchè parli sempre con calma, bilanciando l’aria che si fa pesante. Amo i nostri sorrisi che si capiscono al volo. E i tuoi occhi che sorridono prima delle labbra. Quando siamo insieme non ci manca nulla. Lo penso mentre a volte ti guardo, la sera mentre ti sei addormentata sul divano. È sempre la stessa storia: non hai sonno e vuoi restare a guardare la tv, ma poi crolli dopo pochi minuti. Ti guardo dormire, seguo il disegno del tuo respiro e, allora, lì sono io che sorrido.

L’amicizia arriva quando non ci credi più

Quando ti ho conosciuta non pensavo che saremmo diventate amiche. Mi sembrava che fossimo troppo diverse. Poi, quando hai iniziato a raccontarmi di te è stato come rivedere me allo specchio. Tu il mio riflesso, solo un po’ più piccolo. Avrei voluto dirti di non rinunciare ai tuoi sogni come avevo fatto io, di non mettere gli altri prima di te, di non sacrificarti più per niente e per nessuno. Avrei voluto anche non farti fare i miei sbagli, ma poi ho capito che ognuno deve fare il proprio percorso. E l’unica cosa che possiamo fare è farci trovare sempre accanto a loro, qualora ne avessero di bisogno.
Vorrei dirti molte cose. Per prima vorrei dirti che ti voglio bene. Non te l’ho mai detto, e lo so che di solito si scrive alla fine, ma è una cosa così semplice che a volte poi si scorda. Ecco perchè per non scordarla ho deciso di scriverla subito.
Quello che ti auguro è di sentirti sempre nel posto dove vuoi stare, che trovi casa in ogni cosa che ami e che ti fa stare bene, e che i guai e i problemi ti stiano il più lontano possibile. Ma so benissimo che se si dovessero avvicinare tu sarai pronta e fortissima a prenderli a pugni, per cacciarli via.

Quello che ti auguro

Quello che ti auguro è di riuscire a rialzarti sempre, anche quando le cadute sembreranno più forti e la tentazione di restare lì, immobile a terra ad aspettare che la vita passi, sarà inevitabile. La vita non passa e non aspetta nessuno, affrontala, conquistala e vincila. Ti auguro di vincere. Le tue battaglie, le tue sfide, i tuoi limiti. E quando non sarà possibile, quando perderai, ti auguro di resistere e di saper trarre tutta la forza e l’insegnamento per non perdere più.

L’amore che non aspetti più

Mi piace pensare che l’amore
sia tutto quello che ho vissuto ieri ma, soprattutto, tutto quello che forse proverò domani. Mi piace pensare che forse l’amore non l’ho ancora incontrato. Che non l’ho ancora conosciuto. Mi piace pensare che l’amore sia tutto quello che non immagino
e che non aspetto più.

Il tuo posto

Oggi ho ripreso a scriverti. E a pensarti. Anzi, di pensarti non ho mai smesso.
Vorrei iniziare con “Ciao amore mio” ma suona ridicolo per chi si è detto addio.
Come stai? A me va tutto apparentemente bene, sorrido alla gente e scherzo sempre, poi ci rifletto e so che niente va come dovrebbe. Che nulla è al proprio posto.
Dove sei? Cosa fai? Oggi fa freddo e tu dovresti essere qui, a riscaldarmi, a stringermi. Ma non ci sei e, allora, tra le cose che non sono al proprio posto ho capito che ci sei anche tu. Il tuo posto è qui.