Scrivere

27 Gennaio 2020

Non credo di essermi mai sentita me stessa, nella mia vita, tranne quando ho scritto.

L’odore degli abbracci

L’odore degli abbracci.
Quelli stretti, caldi.
Quelli che bastano così tanto
da non aver bisogno di aggiungere parole.
L’odore degli abbracci.
Quelli dopo i litigi.
Improvvisi, istintivi.
Quelli che risolvono tutto.
Quelli che, un attimo prima di andare via,
ti fermano e ti fanno pensare:
“Se mi tieni io resto”.

Quell’angolo di cuore

A volte un rapporto sembra finito. Tra problemi, paure e incomprensioni sembra doversi chiudere per forza. Ti convinci che non debba andare. Se a volte ti viene nostalgia la sposti, quando affiorano i ricordi belli li scansi abilmente e, per dimenticare prima, ti concentri su quelli brutti. Per evitare di crollare, per non pensare alle cose della tua vita che avevi messo in discussione, vai avanti. Ti distrai e ti dedichi ad altro. Ti sembra anche di essere pronta ad un altro rapporto. Ma proprio quando vivi i tratti di questa nuova vita, che ti sembra così lontana da ciò che c’era prima, quel “prima” non fa altro che tornare. E allora forse dovremmo capire che ci sono cose nella vita che per quanto siano lontane, e per quanto le consideriamo parte del passato, in realtà sono rimaste in quell’angolo di cuore in cui sono entrate il primo giorno dell’inizio. Forse la differenza è tutta qui: molte cose finiscono ma altre, nonostante tempo rabbia e distanza, semplicemente restano.

A Tutta Scrittura

Quando ho iniziato questo progetto di scrittura, quasi per gioco, non sapevo ancora che sarebbe diventato un contenitore ma anche un contenuto. Un quaderno dove mettere la mia vita e quella degli altri. Perchè, se è vero che per scrivere prendo spesso ispirazione dalla mia vita, col tempo ho imparato a guardarmi attorno, ad osservare le persone e a scriverne i tratti. Sono in giro, osservo e prendo nota. E non c’è cosa più bella. Perchè loro non sanno che senza fare niente, quando mi manca l’ispirazione, mi basta osservarli per strada, o farci due chiacchiere, per averne di nuova.

Porta socchiusa

Ad un certo punto ti ritrovi così, occhi negli occhi, lì davanti a chi ami. Coraggiosa e forte, a prenderti quel dolore. Lì, mentre il dolore ti attraversa e ti senti svuotare, cerchi un senso. Che sia uno. Una sola cosa che in questa vita abbia un senso e che non sia stata vana. E di colpo ti viene in mente una sola persona. E lì non senti più le parole di chi hai di fronte e ti sta ferendo, spezzandoti il cuore. Lì pensi a quella persona che, forse, è stata sempre accanto a te. La pensi con tutta te stessa, e tutto ti appare chiaro. E comprendi che per una porta che vuoi chiudere, e mai più riaprire, un’altra merita di essere lasciata socchiusa. Quella sì.

Il mio posto

Quando apri gli occhi al mattino dovresti vedere qualcosa che ami. Dovresti andare nel luogo che più di tutti senti tuo. Nel posto che più ti fa stare bene. Per poter iniziare al meglio la giornata o per riprenderti dopo una notte passata tra i pensieri che ti fanno male. Dovresti andare dove trovi pace e dove il tuo cuore possa riprendere a respirare.
Per me, il mare.

Affidati al tempo

Un giorno capirai che c’è un motivo per tutte le cose che sono accadute, per tutto quello che hai vissuto. Non sempre c’è subito un senso a tutto. Non forzare il destino. Non tentare di trovare una logica . Non affannarti alla ricerca di risposte. La vita ti risponderà al momento giusto. Dietro ogni dolore c’è forse qualcosa che ti attende. Affidati al tempo e credi che il meglio debba ancora venire.

Lui le disse

«Ho letto le parole che hai scritto su di lui. Mi dispiace non essere io quell’amore che per te meritava oggi di essere salvato, mi dispiace non esserci stato quando hai provato a salvare il nostro e di aver capito troppo tardi la differenza che la mia vita aveva con e senza di te. Pazza per come sei, la metà perfetta di un sole caldo e premuroso e di una luna malinconica e silenziosa. Mi dispiace avere lasciato passare quel tempo e non averti tenuta più stretta quando avrei potuto. Ti ho persa, lasciandoti ad un altro, quando non ti ho tenuta abbastanza forte, quando ti ho lasciata andare. Tu non hai colpe, andare avanti e innamorarsi di un altro non è mai una colpa, mi dispiace di avertene date. Oggi non ti posso costringere in nulla, non posso obbligarti ad amare ancora e di nuovo me, ma io continuerò a pregare che un giorno vicino o lontano i tuoi occhi possano riguardarmi come mi guardavano una volta. Ti aspetterò sempre.»