Come stai?

Quindi mi guardi e ti guardo,
e lì non puoi mentire.
Dimmi, come stai?
Non mi importa sapere come va il lavoro,
e cosa farai domani.
Dimmelo anche, se vuoi.
Ma, di più, vorrei sapere come stai.

Quali pensieri ti portano lontano,
quali ti tieni dentro,
quali non ti fanno dormire,
e quali altri ancora affollano i tuoi giorni.
Ti ascolto in silenzio, se vuoi.
Ti guardo e basta, se vuoi.
L’ascolto e basta la tua vita.
E ci entro piano.
E la rispetto.
E la proteggo.
Come proteggerò te
ogni volta che mi parlerai,
ogni volta che mi darai
anche solo un po’ di te.
Avrò cura di tutto, che sia tu.

Annunci

Pocket

«Sappi che ho un bruttissimo carattere.»
«Anche io non ho un bel carattere, potremmo trovarci. Al massimo si fa a botte. Ma non me ne dare troppe.»
«Io faccio boxe. Ti insegno. Fai l’allievo.»
«Non sarebbe male essere atterrato da te. Quanto sei alta?»
«1.60»
Lui sorrise. Poi le rispose divertito: «Formato pocket, altro che atterrare, entri in tasca.»